Furniture, Tendenze

Consigli di Arredamento: intrecciare gli Stili

Stili

Nei vari negozi di arredamento mostrano stili ben definiti, studiati in ogni dettaglio con coerenza per conservare una determinata espressione e un canone perfettamente delineato. Nella realtà dei fatti però le cose sono un po’ più complicate, o forse no.

La verità è che uno stile selezionato e coerente deve ovviamente essere mantenuto in tutte le stanze e, all’interno di esse, in modo compatto in ogni elemento. È vero anche, però, che uno stile uniforme che si ripresenta uguale a se stesso in ogni dettaglio rischia di conferire un aspetto piuttosto monotono.

In un ambiente minimal, senza dubbio elegante e funzionale, l’eccessiva seriosità delle parti può alla lunga suscitare un senso di aridità e incompletezza; una casa in clima neoclassico può invece suscitare pesantezza e rigidezza se troppo sfarzosa e barocca. Inoltre va considerato che il modo di arredare il proprio habitat è una forma profonda di estensione del proprio Io, parla di noi e comunica chi siamo.

Se lo stile moderno richiama a un indole razionale e quello classico a una natura romantica, dobbiamo riconoscere che non possono esistere un aspetto senza l’altro.

E allora, perché non inserire qualche piccolo dettaglio che spezzi con lo stile dell’ambiente? Non serve niente di eccessivo e vistoso, a volte sono i dettagli a cui diamo poca importanza a fare davvero la differenza. Inserire, per esempio, un sobrio divano in pelle in un soggiorno ricco di fronzoli e decori classici è in grado di conferire tutto un altro aspetto allo spazio che lo occupa; oppure è sufficiente una lampada di design moderna che faccia capolino tra un armadio in stile francese e un quadro con la cornice antichizzata. Viceversa, un tendaggio in seta raffinata su un infisso moderno, o un tavolo in legno in mezzo all’alluminio del soggiorno riescono a spezzare con grande efficacia, evitando la monotonia e l’eccessiva linearità del moderno.

L’importante è che facciate le vostre valutazioni con criterio e gusto. Potete chiedere consigli a professionisti dell’arredamento e confrontarvi con loro, ma alla fine la decisione finale non può spettare che a voi.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.